Nuova vita alle decorazioni di Pasqua

Non buttarle, prova il riciclo creativo!

riciclo creativo
  • condividi

Pasqua è ormai alle spalle e, come ogni anno, è arrivato il momento di mettere via le decorazioni che avevi allestito con tanta cura. Cestini ricolmi di dolci, portauova, piccoli oggetti che ricordano la dolcezza della primavera… perché invece non dare loro una nuova vita? Con un pizzico di creatività, infatti, anche le più insospettabili decorazioni pasquali potrebbero avere un inedito futuro. Il segreto, come sempre, è quello di affinare l’arte del riciclo creativo, per trasformare ciò che ormai sembra aver assolto il suo compito in un nuovo oggetto per la casa. Ecco qualche idea per il riciclo delle decorazioni di Pasqua.

 

 

1) Coniglietti di tutti i tipi
Potrebbero mai mancare i dolcissimi coniglietti tra le tante decorazioni di Pasqua? Di feltro, di cartoncino, di legno o di moltissimi altri materiali, sono così adorabili che sarebbe un vero peccato riporli in un cassetto o nell’anta buia della credenza fino al prossimo anno. Ma come riutilizzarli? Semplice: puoi riciclare queste piccole decorazioni di Pasqua come segna-posto per la tua tavola primaverile. Ti basterà assegnare a ciascun commensale il suo animaletto, magari regalandolo agli ospiti come ricordo della giornata. Piaceranno a tutti!

 

 

2) Cestini portauova
Tra le più diffuse decorazioni di questa festività si contano sicuramente i cestini decorati. Possono essere dei materiali e delle dimensioni più disparate e sono accomunati soprattutto da una caratteristica: quando le feste finiscono, non sai dove metterli! Il riciclo delle decorazioni di Pasqua, anche in questo caso, potrebbe esserti di aiuto. Conserva i tuoi cestini e concedi loro una nuova occasione per essere utili, sfruttando i diversi materiali a disposizione. Quelli in legno e alluminio, per esempio, saranno perfetti come sottovasi per decorare la tua terrazza, mentre quelli realizzati in materiali più leggeri potranno essere utili in cucina. Il tocco di classe? Utilizzarli per ciò per cui sono nati: contenere le uova, in questo caso non di cioccolata.

3) Piccoli contenitori

I contenitori decorati di più piccole dimensioni sono una delle eredità pasquali più versatili: si prestano a moltissimi usi, sono carini e possono essere usati praticamente dappertutto. Possono essere utilizzati, per esempio, come supporti per bruciare le essenze e lo candele profumate. Puoi riciclare questo tipo di oggetti anche aggiungendo il tuo piccolo tocco decorativo personale: modificarne la colorazione o gli ornamenti sarà semplice con l’aiuto di un pennello, colori acrilici e un tocco di fantasia.

 

 

4) Uova decorate
Anche le uova decorate sono un simbolo imprescindibile della Pasqua. Ma cosa farne, quando le feste sono finite? Sicuramente sarà semplice trovare una nuova vita alle uova di legno o di altri materiali duri: aggiungile al tuo cestino per il cucito e usale – proprio come facevano le nonne – per rammendare i calzini. E le altre? Le uova più fragili, sempre che non siano di materiali organici, possono essere conservate all’interno di un vaso di cristallo e utilizzate come decorazione. I loro splendidi colori e le immagini vivaci sono bellissimi e porteranno un tocco di allegria in casa, tutto l’anno.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti e resta sempre aggiornato su:

RicetteProdottiNews e consigliTutto!

Confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati*

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto la privacy policy*