Ritorno dalle ferie? Ecco come affrontare il jet-lag

jet-lag
  • condividi

Data di pubblicazione

23 agosto 2017

Viaggiare ha sicuramente molti lati positivi, ma ha almeno un lato negativo: il jet-lag.

Si tratta di un disturbo che si verifica quando l’orologio biologico del corpo perde la sincronizzazione tra luce/buio su cui è regolato. Colpisce maggiormente chi effettua viaggi intercontinentali, ma può colpire in misura minore anche chi andrà incontro ad un fuso orario minimo ma che è abituato ad una routine ferrea.

Non ci si può abituare al jet-lag, ma lo si può attenuare con qualche piccolo accorgimento. Pochi giorni prima della partenza cerca di abituarti all’orario del tuo paese di destinazione, magari alzandoti e andando a letto ogni giorno mezz’ora prima e regolando i pasti di conseguenza. È bene poi riposare a sufficienza prima di partire, evitando di fare la valigia all’ultimo e cenando con cibi leggeri, senza bere alcolici.

 

Il viaggio è un’altra opportunità per recuperare le forze: vestiti comodo e porta con te tutto il necessario per passare un po’ di ore in totale relax, un libro, delle cuffiette per ascoltare la musica e, se ti è possibile, cerca di dormire.

I viaggi in aereo tendono ad abbassare le difese immunitarie, il giorno del viaggio quindi cerca di bere molta acqua, evitando troppe bibite gassate, caffè e succhi di frutta acidi. In questa maniera dovrai andare spesso in bagno, ma alzarsi e muoversi in volo è un’altra cosa importante perché favorisce la circolazione sanguigna; solitamente si consiglia di fare anche qualche esercizio di stretching da seduti così da tenere attivo tutto il corpo. Imposta poi l’orologio con l’ora della tua destinazione: inizierai così a regolare correttamente le tue abitudini.

 

Una volta giunto a destinazione cerca di non cadere nella tentazione di dormire, e se proprio non riesci a stare sveglio, concediti un pisolino di soli venti minuti. Per svegliarti piuttosto lavati il viso e, se possibile, fai direttamente una doccia, cambiandoti i vestiti da viaggio. Poi cerca subito il contatto con la luce; il primo giorno sarà sicuramente molto stancante per questo non organizzare un tour de force per la città, ma fai una passeggiata tranquilla per la città. Se ti sei concesso solo il pisolino, la sera vai a letto presto ma la mattina fai entrare i raggi del sole per favorire il risveglio con il giusto orario, così l’esposizione solare potrà settare e riprogrammare il tuo orologio interno.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti e resta sempre aggiornato su:

RicetteProdottiNews e consigliTutto!

Confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati*

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto la privacy policy*