5 curiosità sui semi di lino

  • condividi

Data di pubblicazione

6 giugno 2018

Il lino è una pianta apprezzata sin dai tempi più antichi per la sua grande versatilità, infatti, viene ancora oggi utilizzato come fibra per produrre abiti e pergamene, mentre i semi sono impiegati per la produzione di farina e olio. Come molte delle piante antiche, la sua coltivazione è iniziata nel nord dell’Africa e dopo le conquiste da parte degli antichi romani, è sbarcata in Europa.

I semi di lino possono farti del bene, scopri 5 curiosità su questi semi piccoli ma super salutari.

 

1. Un aiuto contro le infiammazioni

I semi di lino sono conosciuti per le loro proprietà emollienti e protettive. Infatti, sono molto utili per combattere infiammazioni interne, come la cistite, o dell’epidermide. Basti pensare che già gli antichi greci li utilizzavano per curare anche la tosse.

 

2. Alternativi al pesce

Questi semi contengono una grande quantità di omega-3, tanto da costituire un’ottima alternativa al pesce. Questi acidi grassi sono di grande aiuto per la tua mente e la tua pelle poiché migliorano l’ossigenazione delle cellule, che aiuta la tua pelle a restare più distesa.

 

3. Sminuzza e gusta

La buccia dei semi di lino è particolarmente dura, perciò per assorbire tutte le proprietà che contengono, è bene masticarli molto o sminuzzarli prima di consumarli. Per dare un tocco in più all’insalata, possono essere anche tostati leggermente o aggiunti all’impasto del pane integrale.

 

4. Non esagerare!

I semi di lino assorbono molta acqua, perciò, per evitare che condizionino negativamente l’assorbimento dello iodio da parte del tuo organismo, ricorda di non consumarne più di 3 o 4 cucchiai al giorno. Così ne assorbirai le proprietà, senza controindicazioni!

 

5. Dai semi nasce l’olio

Dai semi di lino si ricava anche un olio, ricco di acidi grassi essenziali. È perfetto consumato a crudo, oppure utilizzato come emolliente per la cura della pelle e dei capelli, ai quali dona nuova lucentezza e morbidezza. Attenzione, però, alla conservazione: dura solo 8 settimane e deve essere tenuto in frigo, lontano da luce, calore e aria.

 

I semi di lino, dunque, sono davvero utili per il tuo organismo e grazie al loro sapore piuttosto neutro, possono essere abbinati a tanti gusti differenti. Provali nello yogurt la mattina o nelle insalate, oppure nel Burger vegetale ai semi di lino Kioene, perfetto per un pranzetto al volo!

 

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti e resta sempre aggiornato su:

RicetteProdottiNews e consigliTutto!

Confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati*

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto la privacy policy*